Cambiare vita? (o mentalità...)

Non sarebbe bello smettere un attimo di seguire quella che ti hanno voluto mostrare come la logica 5+2 del lavoro?

Parlo di quella maledetta routine che si basa su 2 momenti ben distinti:

  • Soffrire 5 giorni a settimana: il lavoro in questi giorni ti ruba la maggior parte del tempo. Puoi dedicare giusto qualche ora agli affacci tuoi… ma spesso la stanchezza non ti permette neanche di goderti questi brevi momenti
  • Week-end (o giorni liberi). 2 giorni in cui puoi vivere davvero. Il piccolo premio, il “biscottino” in attesa di quel mesetto di ferie e della pensione.

Aspettando…

Ho sempre odiato aspettare.

Negli ultimi tempi ho praticamente smesso di fumare, ma ricordo che, quando fumavo davvero, i momenti peggiori erano proprio quelli in cui aspettavo qualcosa. Le attese mi “smaronavano” così tanto che non potevo fare a meno di accendermi una sigaretta dopo l’altra.

Odio aspettare. Ricordo che anni fa, quando lavoravo da dipendente, controllavo almeno 4 o 5 volte quel maledetto orologio aspettando di potermene tornare a casa.

In quel periodo però ho anche avuto una piccola illuminazione...

A furia di aspettare e rimandare… prima o poi il nostro tempo finisce (ahimè...)

NOTA: non ti serve certo una laurea per
fare quello che ho fatto anche io...

La vita non è fatta per aspettare.

Aspettare la fine della giornata, il weekend, le ferie… o addirittura la pensione, equivale a passare la vita aspettando di iniziare a vivere.

Volevo tornare padrone della mia vita, volevo dettare io le regole. Attenzione, non volevo diventare il capo supremo del mondo… volevo semplicemente decidere cosa fare con il mio tempo, con MIA vita. Mi sembra ragionevole come cosa no?

E allora torniamo un attimo alla mia domanda iniziale e arricchiamola: non sarebbe bello smettere di seguire quella che ti hanno voluto mostrare come la logica del lavoro e scegliere da solo cosa fare della tua vita… senza dover aspettare qualcosa?

Probabilmente non lo sapevi, ma grazie al web hai la possibilità di lanciare una TUA attività senza bisogno dei classici investimenti necessari per lanciare un’attività offline tradizionale, che si tratti dell’affitto di locali, macchinari o quant’altro.

  • Prima di tutto ho aperto il mio blog e ho iniziato a condividere la mia conoscenza gratuitamente. Eeee… se ti stai chiedendo se sono nato con la capacità di creare un blog… la risposta è NO!
    Ho provato/sbagliato/imparato.

  • Dopo qualche settimana iniziava a contattarmi bella gente  😉 :

    Mi contattano tutt’ora: alcune persone mi chiedono se posso mettere a disposizione la mie competenze (a pagamento), alcuni mi fanno domande, alcuni mi ringraziano… qualcuno cerca anche per propormi un lavoro dipendente (non scherziamo dai…)

  • In seguito ho potuto lanciare i miei corsi a pagamento… corsi che vendo in automatico, anche mentre dormo… che tu ci creda o no. E qui mi fermo. Se vuoi scoprire di più devi fare il primo passo…

arrow

Il segreto è solo questo: visualizzare un’obbiettivo, dividerlo in passi, capire qual è il primo passo… e muoversi (farlo subito, senza aspettare di avere una visione mistica…)

CREA QUALCOSA DI TUO, VIVI COME VUOI!
IL TUO PRIMO PASSO